Cerca, Visualizza e Naviga

GMDSS

Global Maritime Distreess and Safety System

gmdss-thumbIl sistema GMDSS (GLOBAL MARITIME DISTREESS AND SAFETY SYSTEM) è il sistema vigente per il soccorso e la sicurezza della vita umana in mare. Esso è stato adottato dalla conferenza dei governi contraenti la convenzione internazionale SOLAS '74 (SAFETY OF LIFE AT SEA) ed è stato sviluppato per garantire una maggiore efficacia del soccorso in mare tenendo conto dello sviluppo di nuove tecnologie quali le tecniche di chiamata digitale selettiva (DSC), la stampa diretta a banda stretta (NBDP) e l'uso dei satelliti in orbita geostazionaria (INMARSAT) e polare (COSPAS SARSAT).
Il sistema nasce dall'esigenza che ogni nave, in caso di sinistro, deve avere la capacità di inviare segnali di soccorso ad altre navi ed a centri di coordinamento costieri preposti alla ricerca ed al salvataggio in mare e comunicare con essi. Il compito primario è quello di allertare le autorità costiere dello stato di pericolo di una nave e richiedere immediata assistenza. Il centro di coordinamento al salvataggio (MRCC) coordina le operazioni di ricerca e salvataggio (Search and Rescue), mentre le navi in zona, sono obbligate a prestare assistenza diretta partecipando alle operazioni.

Tale capacità operativa è ottenuta rispettando diversi requisiti funzionali considerati essenziali ai fini della sicurezza della navigazione; l'insieme di questi requisiti funzionali è soddisfatto da una combinazione dei seguenti servizi radio-comunicazione (unitamente all'utilizzo di sistemi di ricezione di informazioni marittime di sicurezza e di sistemi di radiolocalizzazione per la ricerca ed il salvataggio):

  • Sistema INMARSAT utilizzante satelliti geostazionari.
  • Sistema COSPAS-SARSAT utilizzante satelliti in orbita polare bassa.
  • Servizio mobile marittimo nella banda VHF (156-174 MHz).
  • Servizio mobile marittimo nella banda MF (1.6-4.0 MHz).
  • Servizio mobile marittimo nella banda HF (4-27.5 MHz).

La scelta del servizio di radiocomunicazione dipende quindi dall'area geografica in cui la nave opera. Sono definite le seguenti aree operative:

AREA A1 Area dentro il raggio di copertura di una stazione costiera VHF dove è disponibile un ascolto continuo in DSC
AREA A2 Area dentro il raggio di copertura di una stazione costiera MF-HF dove è disponibile un ascolto continuo in DSC. Esclusa Area A1
AREA A3 Area entro il raggio di copertura dei satelliti stazionari INMARSAT. Escluse Aree A1 e A2
AREA A4 Zone non comprese nelle Aree A1, A2, e A3

Le procedure di chiamata d'allerta sono diverse a seconda dell'area interessata. Il DSC è parte integrante del GMDSS; esso è sostanzialmente un sistema di "chiamate selettive" nave-nave e nave-terra con relativo riconoscimento automatico da parte della stazione costiera. Infatti ogni "chiamata" consta di un pacchetto dati digitale in una delle quattro tipologie previste: Distress, Safety, Routine o Urgency.
I messaggi 'Distress' sono trasmessi in automatico a tutte le stazioni nelle bande marittime: MF (2187.5 kHz), HF (4207.5, 6312, 8414.5, 12577, 16804.5 kHz), VHF (Ch.70 - 156.525 MHz).
Il sistema GMDSS proposto da ELMAN è composto dalle seguenti unità:
  • N. 2 Ricetrasmettitori VHF/FM in banda marina con modulo DSC mod. RTV-1077 (un apparato principale con la ridondanza di un apparato di riserva) completi di antenne;
  • N. 1 (+1 opzionale) Ricevitore MF-HF con encoder e decoder DSC mod. DSC-1097;
  • N. 2 Alimentatori per RTV-1077 con ingresso rete (115 o 220 Vac) e uscita 24 Vdc mod. SPS-2095;
  • N. 1 PC portatile con programma "GMDSS" per la gestione degli apparati RTV-1077 e DSC-1097;
  • N. 1 Radiogoniometro V-UHF per la localizzazione dei segnali di soccorso nell'intera banda marina VHF (compresi, quindi, i canali 16, 70, 6, 13) con l'aggiunta delle frequenze di soccorso:
    • 121.5 MHz (soccorso aeronautico civile),
    • 243.0 MHz (soccorso aeronautico militare),
    • 406.025 MHz (soccorso radioboe E.P.I.R.B.)
Per i centri di controllo a terra, ELMAN fornisce anche una soluzione software integrata per la gestione di tutto il sistema: PELAGUS GMDSS.
Tale soluzione è già stata adottata dalla Guardia Costiera Italiana.